• Chirurgia Estetica
  • Chirurgia Estetica

Post mastectomia

con tessuto addominale (Lembo Diep)

La ricostruzione della mammella con tessuti propri: uso del lembo addominale basato sui vasi perforanti con tecnica microchirurgica (denominato D.I.E.P.)

Lembo diep

Un'ulteriore alternativa nell'ambito della chirurgia ricostruttiva del seno con i tessuti della pancia (ovvero con il lembo addominale) è il trasferimento di questi tessuti dall'addome all'area della mastectomia peduncolati sui soli vasi (arteria e vena, denominati “vasi perforanti”) che nutrono il lembo e utilizzando la microchirurgia, ovvero il microscopio, per collegare i vasi della pancia con i vasi della regione mammaria.
In questo caso dunque si prepara il lembo senza prelevare nè danneggiare il muscolo retto dell'addome (a differenza dell'intervento denominato T.R.A.M. che danneggia uno dei 2 muscoli retti dell'addome perchè lo preleva in parte o interamente). E' questa la grande novità del lembo addominale D.I.E.P. (che sta per Deep Inferior Epigastric Perforator flap=lembo basato sui vasi perforanti dei vasi epigastrici profondi dell'addome), ovvero il lembo è allestito senza muscolo nè fascia muscolare, ma solo prelevando i tessuti in eccedenza sulla pancia (cioè la pelle ed il grasso situati tra l'ombelico ed il pube) ed i vasi che la nutrono (appunto i vasi perforanti). Perciò la parete muscolare non viene alterata e la paziente può contrarre i muscoli dell'addome già pochi giorni dopo l'intervento, con tempi di recupero più veloci di quelli dopo l'intervento con il lembo T.R.A.M..
Questo intervento rappresenta lo stato dell'arte della ricostruzione della mammella, ovvero la metodica più avanzata sia dal punto di vista tecnico che per la qualità del risultato.

Può essere effettuato nella ricostruzione differita, cioè a distanza di tempo dalla fine della eventuale chemioterapia e radioterapia, come è illustrato in questo disegno che dimostra:

  • l'area del lembo addominale (tra ombelico e pube)
  • la rotazione del lembo verso la sede mammaria da ricostruire (in giallo il lembo che sarà utilizzato per la ricostruzione, in viola le parti che verranno scartate)
  • il lembo (in giallo) è stato attaccato ai vasi mammari locali ed è rappresentata anche la cicatrice sull'addome:
Diep

 

 

Anche le due figure sottostanti mostrano una ricostruzione differita destra con lembo addominale DIEP: a sx la paziente prima della ricostruzione, a dx la stessa paziente dopo avere effettuato la ricostruzione del seno destro ed in secondo tempo la ricostruzione dell'areola e del capezzolo. Si può apprezzare anche il beneficio del prelievo del lembo addominale in quanto è migliorata anche la forma dell’addome.

ricostruzione mammella lembo diep

Oppure il lembo D.I.E.P. può essere utilizzato nella ricostruzione immediata della mammella (quando la ricostruzione viene effettuata nello stesso tempo dell'intervento demolitivo), come è schematizzato in questo disegno (la freccia indica il lembo addominale che è andato a riempire la pelle "svuotata" dalla mastectomia):

ricostruzione mammella lembo diep

In questo caso il chirurgo plastico inizia la preparazione del lembo mentre il chirurgo oncologo esegue la demolizione (le 2 equipe lavorano così in contemporanea per diminuire la lunghezza totale dell'intervento). Non appena la mastectomia è terminata, il chirurgo plastico porta il lembo in sede mammaria, lo "attacca" ai vasi locali con l'utilizzo del microscopio e gli dà una forma simile a quella del seno sano controlaterale. Poi chiude l'addome con una cicatrice analoga a quella che residua dopo l'intervento di addominoplastica (è questo un vantaggio indiretto di questa tecnica, ovvero la possibilità di migliorare la forma dell'addome).

ricostruzione mammella lembo diep

In conclusione, la ricostruzione con il lembo addominale DIEP consente oggi di raggiungere un risultato di grande naturalezza e similitudine con la mammella controlaterale sana, comporta un miglioramento estetico esteso a tutto il corpo poiché anche l’addome migliora, e questo risultato si mantiene nel tempo poiché la mammella ricostruita invecchierà in maniera simile alla mammella sana (contrariamente a ciò che avviene nel caso della ricostruzione con la protesi, in cui saranno necessari altri futuri interventi per correggere le asimmetrie fra i due seni che si verificheranno con il passare del tempo).

 

Questa metodica è particolarmente adatta al trattamento dei casi di mammelle già sottoposte a radioterapia (ad esempio le pazienti che hanno effettuato in precedenza una quadrantectomia e radioterapia) che presentano un ulteriore tumore nella stessa mammella poiché in queste pazienti non è consigliabile inserire una protesi mammaria.

ricostruzione mammella lembo diep

SX: paziente con precedente quadrantectomia e radioterapia (QUART) della mammella destra, con 2° tumore che richiede la mastectomia.

DX: ricostruzione immediata dx con lembo Diep

SALGARELLO PROF. MARZIA - MATER DEI | 32, Via Bertoloni - 00197 Roma (RM) - Italia | P.I. SLGMRZ59H54H620F | Tel. +39 06 83803 | marzia.salgarello@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite